Passa ai contenuti principali

INTERVISTA A ROBERTO MINGOIA AUTORE DI MACCHERONI CONNECTION

Buon giorno ragazzi, poco tempo fa, vi abbiamo segnalato il libro di Roberto Mingoia, ovvero: MACCHERONI CONNECTION, ma non ci siamo fermati di certo qui eh, abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con lui, incuriositi dal suo libro e dal suo modo di scrivere, Roberto è una persona diretta e determinata, così come il suo modo di scrivere, grintoso e accattivante! Scopritelo con noi!! 







Ciao Roberto, per noi è un piacere intervistarti!Avere a che fare con gli autori è sempre stimolante, sopratutto quando abbiamo tra le mani un libro come Maccheroni Connection. . . 

Inanzi tutto ti ringraziamo per questa fantastica opportunità e ringraziamo la Imprimatur Editore per averci fatto scoprire il tuo libro. Ora però conosciamoci meglio Roberto :)  e cerchiamo di scoprire chi sei  e soprattutto cosa dobbiamo aspettarci dal tuo libro!

Il piacere è tutto mio e vi ringrazio per lo spazio che mi state dando. A volte si dice che la gente non legge ma io sento tantissime persone che amano ancora leggere e guai a chi gli tocca questa grande passione. Alla fine è uno stile di vita, anche scrivere lo è. E anche incontrare i lettori sia dal vivo che nei salotti virtuali, come in questo caso.

Vi svelo lo svelabile su Maccheroni Connection.  Si tratta sempre di un giallo, ma non più ambientato in Sardegna, mia terra natale dove ho ambientato la trilogia del commissario Casu, infatti scivoliamo più giù nell’altra grande isola italiana. Tutto un altro panorama, tutto un altro libro. La Sicilia è la terra dei miei avi. Mio nonno era della provincia di Agrigento. Con questa terra ho sempre avuto un rapporto di grande amore e curiosità così ho deciso di farne l’ambientazione per il mio romanzo. Ho visto tanti film e letto tanti libri ambientati in questa terra e volevo dare la mia versione in chiave moderna. Una terra ricca di risorse e suggestioni, autentica, una terra di azione e di potere, di cuore…l’ideale per ambientare un giallo adrenalinico genere sesso e pallottole.  


Sappiamo poco di te, quindi per cominciare ti va di paraci un pò dei tuoi interessi?  Di cosa ti occupi? 

Sono un imprenditore e uno scrittore. Mi sono laureato in Scienze Politiche all'Università di Cagliari, sono anche un poeta e un illustratore di libri per bambini. 


Crediamo fortemente che gli autori si capiscono meglio dai libri che leggono, anche se la maggior parte poi scrivono tutt'altro, a noi farebbe piacere sapere quali sono i tuoi libri preferiti e se c'è uno tra questi che ti ha spinto a scrivere il tuo . . . 

I miei autori preferiti sono Pirandello, Calvino, Orwell e Wilde. Hanno stimolato la mia curiosità di lettore e di sicuro mi hanno aiutato ad avere la vocazione di scrittore. Leggo comunque tutto quello che mi capita per le mani. Un libro deve rapirti il cuore. E finora le tantissime persone che hanno letto Maccheroni Connection mi hanno detto che si sono divertite tanto e che si sono innamorati di tutti i personaggi. E' piaciuta la velocità dello stile, l'originalità della storia, i messaggi positivi che manda e il fatto che fondamentalmente sia una storia di libertà e passione. Oltre alla passione nel libro si parla di un grande amore, di quelli che ti sconvolgono per una vita intera. Chi di noi non sogna l'amore della vita?

Ora parlaci del tuo libro, di cosa parla? 


Maccheroni Connection è ambientato a Ogghiularu, un paese immaginario della Sicilia dove la criminalità e il male hanno preso il sopravvento. Camorra, mafia russa e l’immancabile Cosa Nostra, rappresentata dalla potente famiglia dei Cammareri, sono i protagonisti delle scorribande che turbano la tranquillità di questo luogo idilliaco abitato da onesti contadini e pastori. Un delinquentello appena uscito di prigione, Francesco Spina, nel tentativo di scampare all’inseguimento di alcuni spietati gangster a cui ha pestato i piedi prenderà il posto del maresciallo Luca Pappalardo appena arrivato in paese per fare regnare l’ordine e la disciplina ma morto fortuitamente in una rissa da bar.
L’originalità e l’innovazione pagano. Come lettore vado sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, di veloce, accattivante, che ti ruba l’anima. Questa storia ti trascina in una lotta senza esclusione di colpi tra bande e in un contesto corale che pone al centro il personaggio di Francesco, vero emblema del bene e del male che è in ognuno di noi.


Maccheroni Connection è ambientato in Sicilia, la terra dei fuochi, lo scenario principale e perfetto per il tema del tuo libro. Infatti parli di Criminalità organizzata, ma anche di giustizia, il tuo personaggio Francesco Spina è un ex galeotto che adesso però prende il posto del poliziotto.  Come ti è venuto in mente?  


Sulla Sicilia ho involontariamente forse già risposto. E' una terra a cui sono tanto legato ed è il luogo ideale per creare una storia gangster all'italiana. Come mai il protagonista cambia vita? Ho voluto fare una storia nuova dove non c'è solo il bello e maledetto o il buono ma una persona che ha dentro di sè sia il bene sia il male che poi sono dentro ognuno di noi e che di volta in volta segue il cuore e cerca di fare la cosa giusta. Francesco Spina/Luca Pappalardo è un duro con dei principi, sta rubando molti cuori e ruberà anche il vostro :D


Qual'è il personaggio che ti è riuscito meglio? E quale quello che ancora oggi non ti soddisfa?

Sono affezionato a tutti i personaggi e sinceramente soddisfatto di ognuno di loro. Ci ho messo l'anima e ognuno gioca perfettamente il suo ruolo. Sono uno che prende la vita di petto, ora prenderò di petto i personaggi principali per farveli conoscere:

Caro Francesco Spina, a tratti Luca Pappalardo, sei un personaggio fortunato che incappa nella sorte diverse volte, mantieni sangue freddo, ne combini un po’ di tutti i colori. Ma sei più onesto o disonesto, perché a me continua a restare il dubbio?!

Sono un duro dal cuore tenero. O meglio un duro con dei valori. Cerco di sicuro di fare sempre la cosa giusta. Combatto per necessità e non per scelta.

Caro Don Riccardo, lei intimorisce con uno sguardo chiunque, è un uomo rispettato ma che rispetta solo se stesso, è sprezzante della legge, anzi si sente superiore. Lo ammetta qual è la cosa più importante nella sua vita?

Il potere. Ma sono uno a cui piace tenere le mani linde come il culetto di un bambino. Ho un ventaglio di carte molto ampio quando devo agire. Tanti affiliati che si butterebbero nel fuoco senza esitare ad un mio ordine. Ma il personaggio più folle che uso per agire è Milton, un braccio destro/sicario che quando va ad uccidere qualcuno si toglie gli occhiali e agisce come una macchina spietata e infallibile.

Lisa tu sei la donna bellissima capace anche in jeans e maglietta di fare girare la testa agli uomini, è adrenalina, affinità o amore quello che ti ha legato al protagonista?

E’ amore e anche tutto il resto. Sono la donna della sua vita. Ma ho il mio bel caratterino. Sono ribelle da buon personaggio di azione. Agisco sempre col cuore, non faccio mai calcoli.

Ho volutamente “fatto parlare” solo tre dei protagonisti del libro, scegliendo i più significativi ma è un romanzo corale e ognuno ha il suo spazio e la sua importanza. Questo è quello che mi hanno confermato anche tanti lettori e poi mi direte la vostra opinione.

Come dicevo sono legato a tutti i personaggi. Per farvi un quadro più completo ne cito un altro paio:  Concetta, la nipote di Don Riccardo che lavora al Bar Tom (il bar del paese). Bella, seducente, vogliosa di scoprire il mondo. Oleg, figlio del patriarca russo che sbarca in Sicilia. E’una sorta di Don Riccardo da giovane: irriverente e pieno di iniziative. Tutti personaggi in grado di innescare una grande deflagrazione.

Se dovessi paragonare il tuo libro ad un colore quale sceglieresti? 

Rosso, la passione.


Hai progetti futuri? Altri libri nel cassetto?? 

Ho in fase di revisione altri due romanzi gialli. Uno ambientato in un condominio milanese, a indagare un commissario donna tutto pepe. E poi un caso di omicidi seriali su un treno, tratta Bologna- Reggio Emilia. Vivere in condominio e prendere il treno non sarà più la stessa cosa, mi piace stupire e affascinare i miei lettori.

In fine, cosa diresti ai tuoi lettori? 

Credete nei vostri sogni! Io sto realizzando il mio anche grazie a voi! Vi regalo una citazione dal romanzo che rende bene la lotta tra bande descritta nella storia.  ↓↓↓↓↓


“La torta era da spartire ora tra mafia, camorra e russi. Come nella natura selvaggia, dovevano coesistere insieme diversi predatori: il clan dei Cammareri era come i leoni, i Riccio come i coccodrilli, i Pavlov come le aquile. I leoni cacciano in branco con una strategia e una gerarchia precisa: sono organizzati e spietati. I coccodrilli sono predatori opportunisti: attendono la preda per lungo tempo prima di sferrare un attacco fulmineo e senza via d’uscita. Le aquile sono predatori astuti, voraci, efficienti, in grado di scegliere tra un menu amplissimo per la loro capacità di trasportare grosse prede: sono in grado di ammazzare una lepre, un salmone o un cucciolo di cerbiatto. Raramente si pestano i piedi tra loro, ma di sicuro sono gli esseri più spietati che la natura potrebbe concepire e mettere insieme in uno stesso territorio.”





Ti ringraziamo per aver risposto alle nostre domande, e per averci dato l'opportunità di conoscere meglio il tuo libro.  Sicuramente lo leggeremo e posteremo anche la recensione sul blog, nel frattempo ti facciamo un grosso in bocca al lupo per tutto e ti salutiamo. E' stato un piacere, grazie ancora! Alla prossima ;) 


E voi? Cosa aspettate? Non perdete il libro di Roberto Mingoia, Maccheroni Connection edito di Imprimatur, lo trovate qui

 ⇓⇓




Vi auguriamo Buona lettura! 😉

Commenti

Post popolari in questo blog

Chiamami Anam di Igor Damilano e Cinzia Lacalamita! Le prossime letture di Febbraio! Scopritelo qui!

Oggi vi segnalo : CHIAMAMI ANAM un libro a 4 mani d Igor Damilano e Cinzia Lacalamita. 








Sinossi 

Un Anam Cara o Amico dell’Anima è colui che – riconosciuta la propria luce interiore – si apre alla vita e, nell’azzerare ogni difesa, può stabilire un legame indissolubile, di assoluta confidenza con un altro individuo. Tra Anam Cara vi è un reciproco travaso di bellezza, grazie al quale viene meno il concetto di tempo che deteriora le cose. L’Amore resta integro, eterno, oltre lo spazio e la morte, in un luogo sacro che nella tradizione celtica si chiama Casa: e in quello spazio, un uomo e una donna privati del nome, avevano creato una fragranza nuova, unica, irriproducibile se non da essi stessi, insieme.  Ti troverò.

Lo trovate qui 
Formato Kindle 
Copertina Flessibile 


Intrecci, una coppia, la vita, la lettura che viaggia in aderenza sfiorando le pagine, il libro che finisce e ricominci ed è ancora vita, la tua, la loro, la nostra...

Vi è piaciuto questo post? Avete letto il libro? Cosa ne pe…

MINA E IL GUARDALACRIME SEGNALAZIONE DEL LIBRO DI VANESSA NAVICELLI ( FIABE EDUCATIVE PER GRANDI E PICCINI) !!

Buongiorno Ragazze!! Oggi è Lunedì e quindi quale modo migliore per aprire la settimana con una nuova fantastica Segnalazione!! Quando accettiamo di segnalare i libri, facciamo sempre un'acurata selezione. E, quando ci troviamo davanti libri e progetti dedicati ai più piccoli non possiamo non condividerli con voi. Lettrici, mamme e non. Quindi, oggi per voi Vanessa  Navicelli, e il suo progetto dedicato ai più piccoli. Vanessa , ha scritto il libro MINA E IL GUARDALACRIME. Una fiaba educativa, per grandi e piccini. Senza ulteriori indugi, vi lascio alla scoperta del suo libro e soprattutto al suo progetto. 

MINA E IL GUARDALACRIME di Vanessa Navicelli








TRAMA 

Avete mai pensato al valore di una lacrima? Forse è ora di cominciare…

Mina è una piccola lacrima in fuga, perché stanca di portare solo dolore a tutti quelli che incontra.
In cerca di una pozzanghera in cui buttarsi, inizia una storia di viaggio e di scoperta, durante la quale farà incontri strabilianti e bizzarri!
Intanto, il saggi…

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…