Passa ai contenuti principali

DIMENTICARE UNO STRONZO DI FEDERICA BOSCO - RECENSIONE




Buon inizio di settimana a tutte, mie adorate lettrici e si anche lettori, perchè per fortuna c'è qualche baldo giovane che legge. A tal proposito vi ricordo che se volete, potete postare le foto dei giovanotti che leggono, quelli che incontrate in metro o anche sul web sul gruppo della pagina. Aggiungete pure #UOMINICHELEGGONO. 

 Rimanendo in tema, ci sono, nel mondo, e con questo non voglio fare di tutta l'erba un fascio ma quasi, maschietti narcisisti, egoisti e poco virili ( tra l'altro ) che pensano ancora di essere al centro del mondo.  Per sfatare il mito e per aiutare quelle sfortunate che hanno avuto la drammatica occasione di averci a che fare, con relazioni poi andate a perdere c'è Federica Bosco. Perchè sì ragazze, quando si viene lasciate dallo stronzo di turno, che nella maggior parte dei casi è anche uno che la notte manda 6 sms uguali a sei donne diverse, c'è bisogno di metodi estremi.
Ci vuole una disintossicazione bella e buona, da dipendenza da stronzo, non  solo da quello che ci ha lasciate ma da tutti gli stronzi anche futuri che probabilmente incontreremo ancora e ancora. Fino a quando un bel giorno, capirete che LE STRONZE dovete essere voi. E fidatevi che nessun' uomo, può essere stronzo quanto una donna! 

Nel suo libro,  DIMENTICARE UNO STRONZO - Manuale di tre settimane DETOX per dimenticare lo stronzo, Federica ci racconta, con ironia e verità le svariate fasi per superare questa maledizione che sembra incombere su di noi. Come se noi fossimo delle calamite per gli stronzi. Infatti la domanda più comune è : ma perchè tutti a me?! Ecco perchè tutti a voi?!

 Per far si che nessuna donna, si ponga mai più questa fatidica domanda, scatenata la maggior parte dalla volte da situazione spiacevoli e paradossali dove lui, nel suo essere stronzo riesce a farvi sentire in colpa per qualcosa che in realtà non avete fatto. . . 
Federica vi ricorda che : mentre voi, eravate due, lui era IO , E LE ALTRE. ( ma questo è solo uno dei tanti esempi di uomo stronzo). Immagino che anche voi, come me, troverete la collocazione per la vostra situazione! ) passata, o presente che sia :) 




E mentre ci fondiamo il cervello a chiederci perché dando un peso immenso a fatti che non ne
meritano nessuno, loro non si ricordano nemmeno più come ci chiamiamo...”




E questo non lo dico per girare il coltello nella piaga, ma per farvi ricordare che era lui e non voi. Il libro di Federica non è un Self Help, al suo interno troverete tre passaggi fondamentali. Corpo. Mente. Anima.  Step e fasi da eseguire, musica da ascoltare, torte da preparare, per non perdere mai la speranza. L'amore esiste ma prima dobbiamo amare nei stesse, con consapevolezza maggiore e imparare a distinguere l'oro dal rame!

In fondo il mondo è pieno di Stronzi, spetta a noi saperli riconoscere e nel caso mandarli a quel paese! ;)  

Il libro di Federica Bosco lo trovate qui : Dimenticare uno stronzo!

Commenti

  1. Il libro tutto sommato non sembra male, sarà il tuo entusiasmo che mi ha contagiata ma un pensierino quasi quasi ce lo faccio. Finalmente lascio tracce del mio passaggio e non mi limito a stalkerare nell'ombra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sandy, sì, il libro non è male, anche se dipende molto dai gusti, io personalmente amo tutt'altro genere di libri, ma questo, riesce a strapparti alcune risate e sì, anche a farti pensare, ti capiterà di tornare indietro con la mente e di ricordare: LO STRONZO DI TURNO! hauahauhauah La Bosco non si smentisce mai! <3 <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…