Passa ai contenuti principali

RECENSIONE: E' SOLO UNA STORIA D'AMORE di ANNA PREMOLI


ANNA PREMOLI
 E' SOLO UNA STORIA D'AMORE





Trama 

Cinque anni fa Aidan Tyler ha lasciato New York sul carro dei vincitori, diretto verso il sole e il divertimento della California. Fresco di Premio Pulitzer grazie al suo primo libro, coccolato dalla critica e forte di un notevole numero di copie vendute, era certo che quello fosse solo l’inizio di una luminosa e duratura carriera. Peccato che le cose non stiano andando proprio così: il suo primo libro è rimasto l’unico, l’agente letterario e l’editore gli stanno con il fiato sul collo perché consegni il secondo, per il quale ha già incassato un lauto anticipo. Un romanzo che Aidan proprio non riesce a scrivere. Disperato e a corto di idee, in cerca di ispirazione prova a rientrare nella sua città natale, là dove tutto è iniziato. E sarà proprio a New York che conoscerà Laurel, scrittrice di romanzi rosa molto prolifica. Già, “rosa”: un genere che Aidan disprezza. Perché secondo lui quella è robaccia e non letteratura. E chiunque al giorno d’oggi è capace di scrivere una banale storia d’amore… O no?




IL MIO VOTO 


Ciao a tutte ragazze, dopo tutta quest'attesa,  non potevamo non riaprire la sezione Recensioni, se non con questo libro. E' stato il libro dell'anno. Al numero uno in classifica per molti mesi, è tutt'ora il best seller più discusso, ma lei resta sempre la Regina del Self Publishing e dei Romanzi Rosa. Un milione di copie vendute, schiere di lettrici al suo seguito. E siamo tutte pazze di Anna Premoli e del suo: E' solo una storia d'amore. 😍😍😍Nonostante quello che si dice in giro, i commenti sessisti su i suoi libri, e sull'intero genere. Lei sa quello che scrive e lo fa anche molto bene. Anche questa volta, e a confermarlo non sono l'unica, il suo libro E' solo una storia d'amore è realmente un bel libro. Ironico, divertente, romantico al punto giusto. 

Due scrittori, di genere totalmente opposto, con due visioni della vita e del modo di scrivere altrettanto opposto. Metteteli per caso in un bar, lui, bello e sicuro di se, scrittore affermato, vincitore di un premio pulizer, che però non scrive una parola da ben cinque anni. Odia i romanzi rosa, li considera romanzetti per donnicciole. Adatti solo a donne, con seri problemi, poco appagate dalla proprio vita. Lei, scrittrice di romanzi rosa, di quel romanzo rosa, che lui, Aidan, ha tra le mani.Si, proprio il suo, che lui, ha tra l'altro sminuito sensa nemmeno averlo letto. Per Aidan e Louren è scontro a prima vita. Nonostante ci sia comunque attrazione tra i due, lei, è fin troppo con i piedi per terra. Realista fino all'inverosimile, non si lascia abbindolare dai metodi di seduzione di Aidan, che tuttavia, non sapendo ancora chi lei sia in realtà ne resta colpito. Fino a quando, i due, avendo lo stesso Editor, vengono invitati ad un'intervista televisiva. Ed è proprio qui che succede il pandemonio. Resosi conto di aver fatto una grossa gaff, e nel tentativo di scusarsi, Aidan non fà altro che peggiorare la situazione, scatenando ancora una volta una situazione di tensione al limite dell'ilarità, in diretta televisiva con Laurel. Secondo lui, scrivere d'amore è facile. Tutti, chiunque può farlo, basta mettere:


 " Una lei insopportabile ed esigente, e un poveretto a cui capita per disgrazia di innamorarsi della rompiscatole ".  

Ma le cose, non sono così facile come Aidan crede. Per scrivere d'amore non basta, scolarsi una bottiglia di vino e buttare giù dieci fogli a casaccio. E presto, molto presto se ne renderà conto.
Allo stesso tempo, anche per Lourel, l'incontro con Aidan è stato traumatizzante,lei, sempre abituata ad avere tutto sotto controllo, non riesce a capire come mai, anche se abituata a sentire commenti sessisti su i suoi libri, non riesce a lasciar correre anche quelli di Aidan. 

"Perché, qualunque cosa dica il signor pulizer, io non creo affatto irrealistiche aspettative nelle mie lettrici. Preferisco pensare di aiutarle a evitare certi bidoni. Numerosi Bidoni".   

Tra battibecchi, situazioni paradossali, come un bacio al latte e un enorme mazzo di fiori, i due, che si ritroveranno spesso insieme per terminare la stesura dei loro libri, persino di notte, intrecceranno le loro vite, come i loro romanzi. Uguali e narrati da due punti differenti. Scoprendo che l'amore esiste, non solo nei libri. Divertente e coinvolgente, la Premoli è riuscita ancora una volta a fare centro. I riferimenti a tutti i cliché romantici delle storia presenti nel libro, non sono causali. Ci sono, sono evidenti eppure ci sembra di leggere qualcosa di nuovo, e non qualcosa che in realtà troviamo spesso e volentieri in libri rosa. Ho adorato Aidan lo ammetto. Il suo ruolo di scrittore tormentato in stile Ernest Hemingway, è paradisiaco! Consiglio la lettura a tutti, anche a chi non ama il genere. E se per caso, il Rosa dovesse diventare per magia il vostro nuovo colore preferito, potete leggere tutti gli altri libri della PREMOLI :) :) Buona lettura! 



Commenti

  1. Anna Premoli strega tutti con le sue storie d'amore <3 Anche io l'adoro, nonostante qualche errore ortografico che non è passato inosservato ahahah Ho l'occhio clinico per queste cose ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) E' vero, qualche errore di battitura c'è, e si, può dar fastidio! :) :) Comunque la PREMOLI RESTA LA NUMERO 1 HAUAHU Troppo divertente. Il cliché nei cliché ;) <3

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…