Passa ai contenuti principali

RECENSIONE di Mi sono innamorata del mio migliore amico Kirsty Moseley

Buon pomeriggio Ragazze! Allora, oggi sono un pò in panna, dato che ho terminato le letture di Gennaio, e questo è decisamente positivo, ora posso dedicarmi alle recensioni, ma. . . se avete altri suggerimenti di libri non esitate a proporre :) Ieri ho postato sul blog, una serie di libri che proprio non potete leggere nella sezione Young Adult, come avrete notato questo, di Kirsty non c'è.
Il motivo è semplice. . . secondo i miei canoni non è un libro classificabile per quella fascia d'età in quanto risulta decisamente al di sotto di un potenziale libro Young Adult. Ma andiamo con ordine.

MI SONO INNAMORATA DEL MIO MIGLIORE AMICO


Genere: Romanzi Rosa per Young Adult
Editore: Newton Compton Editori
Autorice: Kirsty Moseley
Prezzo: 4,90 Copertina Rigida 5 Euro per il formato Kindle


TRAMA

Dall'autrice del bestseller Il ragazzo che entrò dalla finestra e si infilò nel mio letto

Numero 1 in Italia




Riley Tanner ha un amico speciale, il migliore che una ragazza possa desiderare. Clayton Preston è per lei un grande sostegno: è leale, onesto, affidabile, gentile e pieno di attenzioni. È anche il ragazzo più ambito di tutta la scuola, ma loro due hanno sempre avuto un rapporto diretto e molto affettuoso, di pura amicizia, senza complicazioni amorose. Dopo che Riley è stata via un mese per una vacanza, però, le cose fra loro sembrano essere cambiate e la situazione si fa sempre più strana. Riley comincia a guardarlo in modo diverso, non come dovrebbe fare una semplice amica. E come se non bastasse, a complicare ulteriormente il loro rapporto ci si mette pure il nemico numero uno di Clayton: un rivale che negli ultimi tempi si sta interessando molto a Riley…










Un libro per giovani adulti, quello di Kirsty Moseley, che ancora una volta vende milioni e milioni di copie. Ma. . .  anche questa volta parliamo di un libro che non rispecchia i canoni essenziali di quelli che dovrebbero essere i messaggi positivi, indirizzati ad un pubblico di minorenni.


La storia ruota attorno a due ragazzi, Riley e Clay, sedici e diciotto anni. Vicini di casa da sempre, migliori amici da sempre. Sin da subito l'attenzione è incentrata su questa piccola ossessione, che viene ripetuta fino all'inverosimile. Ogni due frasi per la precisione, vi ricorderanno che :  
Riley e Clay sono migliori amici da sempre!

" TU SEI IL MIO MIGLIORE AMICO, NON TI POSSO PERDERE! TUTTO QUESTO NON DEVE SUCCEDERE PIU' DOBBIAMO DIMENTICARLO "
 Ma, questa frase, come tutte le altre, lascia il tempo che trova. La situazione è destinata a diventare altro. . nel caso il titolo non fosse abbastanza ovvio. . . 



 Riley, la protagonista principale  è una ragazza normale, che però non ha il minimo di spessore. Non c'è alcuna percezione delle sue emozioni in tutto il libro. Prima è amica, poi è attratta, poi viene stalkerata e l'unica cosa che fa è piangere. Lei, riesce a  millantare un'amore che non si riesce a percepire e che non ti fa battere il cuore nemmeno una volta. Stesso discorso vale per lui. 


 Anche loro come per Amber e Liam nel libro IL RAGAZZO CHE ENTRO' DALLA FINESTRA E SI INFILO' NEL MIO LETTO, dormono insieme. A quanto pare, la Moseley vive in un mondo dove i genitori non battono ciglio se la figlia dorme con un ragazzo. O ancor di più se prende la pillola e ci fa sesso.

 Riley Tanner ha sedici anni, si è trasferita da poco nella scuola pubblica, la stessa che frequenta il suo migliore amico Clay, il suo vicino di casa. Biondo occhi verdi, il play boy incallito della scuola, giocatore di Footbool. . . insomma il maschio alfa per cui tutte le ragazzine perdono la testa, quello che cambia una ragazza al giorno, ma che però è follemente innamorato di Riley. Tutti lo sanno tranne lei. . . nel frattempo, forse nel tentativo di creare un menage a trois,  compare Blake Chambers, altro belloccio, super figo, vent'enne. I suoi rapporti con Clay non sono mai stati buoni, tuttavia, sembra essere interessato a Riley, che  anche se confusa, inizia questo triangolino amoroso pomiciando con tutti e due. Ma si, ragazze nel dubbio non si butta neinte ;) Succhiotti a parte, anche le questioni hot sono poco credibili e coinvolgenti. Di norma, quando si legge un libro c'è sempre qualche sensazione che lascia intendere un pre approccio o una fase tormentata di confusione, qui invece non c'è, nel senso che non esiste. . . 😒😑😕  
Proseguendo con la storia, i due partono per Las Vegas, insieme ad un gruppo di amici. . . e cosa si fa a Las Vegas di solito? Ovvio, ci si sposa no?!!!! 

E dopo??? SLOT MASCHINE!! 

😌😥😦😧😨😩😴😭

Quindi si passa da " TU SEI IL MIO MIGLIORE AMICO " a TU SEI MIO MARITO!",  come se niente fosse, come se il matrimonio fosse uno scherzo, un gioco tra ragazzi! Ma si, tanto dopo aver praticamente istigato al silenzio nei casi di abusi su minore, perchè non invogliare a sposarsi, magari a restare incinte tanto, è tutto ok! Is normal today!!  E ora? Ora che si fa per muovere un pò le acque? Ci piazziamo Blake, che rapisce Riley, una bella scena di scazzottate con tanto di pugnalata alle spalle, il rischio di paralisi e poi, bom per magia ritorna tutto come prima, un finale da mozzare il fiato gente! 

Eh no ragazze, non ci siamo proprio! Per carità è un libro, è ovviamente frutto di fantasia ma, quando si scrive lo si deve fare con un certo peso, non si può scrivere una storia sparando a zero, facendo quasi passare il silenzio e la paura come forma base di reazione a fatti come abusi e stolking. Rendendolo privo di ogni spessore umano e sentimentale. Non è così che funziona la vita. E non è così che dovrebbero essere scritte le storie. L'incpit è buono, ma il problema di fondo è la mancanza di realismo. Non c'è nessun cambio di emozioni, di umore e di sentimenti. La Moseley tende troppo spesso a rendere superficiale ogni cosa, con una ripetizione continua di frasi smodate e prive di senso, fatti al limite dell'assurdo e un finale frettoloso che non aiuta per niente a capire quale senso abbia il libro. Sempre che ne abbia uno. . . . 



IL MIO VOTO E' 
 

Tre perchè credo che quando si parla di certi argomenti, anche se in storie di pura fantasia bisogna aver un certo tatto e anche un certo senso. I messaggi che si possono trasmettere sono tanti e potenzialmente non adatti ad una mente labile come quella di una tredicenne. In conclusione dico che lo stile di scrittura è pessimo, ho tentato in vano di riprendere la lettura e di cercare qualcosa di nuovo e di credibile nei fatti, ma non ne ho trovato alcuno. Solo ripetizioni di frasi banali e di situazioni al limite dell'assurdo. Un libro pessimo che sconsiglio caldamente. 

 Spendete i vostri soldi per leggere qualcosa di più interessante, che abbia per lo meno un senso o un messaggio da trasmettere! 

Cosa ne pensate? L'avete letto? Lasciate un commento!! 


Commenti

  1. Wow...wow... e stavolta c'è un wow positivo per la tua recensione, molto arguta, onesta e ben articolata e un wow negativo per il libro. Io penso di solito che ogni libro ha qualcosa di buono da insegnarci, che ogni libro nasconde una lezione, una verità, un messaggio, prima da ragazza mi sono imbattuta anch'io in libri privi di significato e devo dire che la mia risposta in quei casi era di non continuare e non specare il mio tempo con un libro che non ne valeva la pena, adesso prima di comprarli e spendere i soldi gli cerco su internet e leggo le recensioni di quelli che gli hanno letto prima di me e spesso trovo recensioni oneste come le tue. Grazie veramente tanto per la tua onestà.
    Saluti,
    Flo di
    https://femeieastazi.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Ciao Florentina :) Grazie mille per il tuo commento. Si, anche io prima di aprire il mio blog facevo come te, ma spesso, molto spesso mi imbatto in recensioni che non hanno nulla di vero e sono poco dettagliate. Alcuni libri vengono osannati sensa ragione e altri, che magari meritano vengono criticati duramente. Ma, io, sono una che se deve leggere preferisce leggere qualcosa che per lo meno abbia un messaggio, che alla fine ti fa pensare. E non qualcosa che non ti lascia nulla se non sconcerto. Come in questo caso! Grazie mille <3 <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…