Passa ai contenuti principali

RECENSIONE LE SOLITE SOSPETTE DI NIVEN JOHN

L'estate stà finendo, diceva la canzone dei RIGHEIRA!
E sulla base di questo fatto,l'unico modo che abbiamo per accettare e dimenticare il fatto che siamo al 2 di settembre,la soluzione è leggere un libro estremamente divertente.



LE SOLITE SOSPETTE








TRAMA

Quando Susan - a causa dei vizi nascosti del marito - si ritrova vedova e con la casa pignorata, insieme ad alcune amiche decide di compiere una rapina. Contro ogni probabilità, il colpo va a buon fine, e alle "cattive ragazze" non resta che raggiungere la Costa Azzurra, riciclare il denaro e sparire. Nulla che possa spaventarle, dopo tutto hanno piu di un motivo per riuscire nella loro impresa: andare in crociera e fuggire il brodino dell'ospizio.


IL MIO VOTO 




Sulla base di questo ragionamento abbiamo LE SOLITE SOSPETTE,edito di Enaudi scritto da Niven John!
SUSAN E JULIE,sono amiche dai tempi delle scuole,vivono in una cittadina del Dorset. Susan vive con suo marito Berry,Julie vive in un piccolo appartamento e lavora in uno spizio. Le cose cambiano quando Berry muore,e il mondo di Susan crolla. Solitamente uno non ci rimane molto bene, quando scopre che il marito aveva una doppia vita,si avete letto bene! L'arzillo Berry non solo aveva una doppia vita ma aveva  prosciugato tutto i risparmi per finanziare un'attività dedita a giochini erotici e prostitute di professione. Non contento aveva contratto un debito di oltre mezzo milione di sterline. Ridotta al verde  e con la casa pignorata dalla banca a Susan non resta che chiedere aiuto alla sua più cara amica Julie. Insieme ad una Gangstar 80enne, Nail e alla sua amica Etherl  preparano un colpo in banca. Che sorprendentemente va' bene! Immaginate 4 vecchiette  che rapinano una banca e che decidono di partire per la COSTA AZZURRA,il piano prevede anche di RICICLARE IL DENARO E ANCORA UNA VOLTA PARTIRE PER UNA CROCIERA!  Darsi alla bella vita e dimenticare i brodini dello spizio!Chi non vorrebbe un finale così??!  Ma andrà tutto liscio? o alla fine questa banda di "cattive ragazze" verrà catturata?! Il libro non ha deluso le mie aspettative. Ho riso sotto i baffi,dall'inizio alla fine. Immaginando tutte le scene divertenti e assurde che John ha descritto nel suo libro.Ricco di humor,le solite sospette è un libro che mette il buon senso sotto i piedi.Lasciando spazio ad un quartetto di criminali improvvisate,da ex reginette alcolizzate,a erotomani in carrozzina John non ha dimenticato nulla.  Un Trainspotting rivisitato; che al posto dei tossicodipendenti ha come protagoniste  vecchiette avide di denaro disposte a tutto pur di non finire i loro giorni al verde ;) STRA CONSIGLIATO! BUONA LETTURA!

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…