Passa ai contenuti principali

UNA PRINCIPESSA PER DUE RE

UNA PRINCIPESSA PER DUE RE 


Genere:Romanzi Rosa
Editore:Sperling&Cupfer
Autore:Philippa Gregory

Scegli il tuo formato 
👇👇👇💛











TRAMA

Inghilterra, 1485. Quando Enrico Tudor raccoglie la corona d'Inghilterra dal fango della battaglia di Bosworth, sa che l'unico modo per unificare un regno da quasi vent'anni diviso dalla guerra è sposare la principessa della casata nemica, Elisabetta di York. Ma lei è ancora innamorata del defunto sovrano, Riccardo III, e mezza Inghilterra sogna di vedere sul trono l'erede legittimo, che la Regina della Rosa Bianca ha mandato in un luogo ignoto proprio per proteggerlo. La nuova monarchia può anche aver conquistato il potere, ma non ha certo conquistato il cuore dei sudditi, che tramano complotti e congiure nella speranza di un trionfante ritorno degli York. Ora la più grande paura di Enrico è che da qualche parte, oltre i confini dell'Inghilterra, un principe della dinastia avversaria stia solo aspettando il momento giusto per invadere il regno e reclamare il trono. E il giorno in cui un giovane uomo - che potrebbe essere il legittimo re - impugna le armi e minaccia la corona, Elisabetta sarà costretta a scegliere tra il marito che ha appena imparato ad amare e il ragazzo che dichiara di essere il suo amato e perduto fratello: la rosa di York finalmente torna a casa.




IL MIO VOTO 



Philippa sa sempre come stupirci! De resto, non poteva mica scrivere la regina delle due rose! In effetti, sarebbe stato comunque azzeccato ma, ammettiamolo, il primo pensiero visto l'intreccio che si era creato tra RICCARDO,ELISABETTA E ENRICO, ancora prima di conoscere i personaggi ci aveva fatto sobbalzare. Anche se sappiamo che storicamente Elisabetta di York, ha sposato Enrico Tudor, dando inizio alla dinastia più potente e affascinante d'Inghilterra, la curiosità è rimasta comunque.
Visto l'amore scoppiato tra Riccardo ed Elisabetta all'inizio abbiamo storto il naso, volevamo cambiare la storia, mantenere gli York sul trono, ma questo non è possibile. E per certi versi ci porterebbe anche ad essere considerati dei traditori, perchè se cosi fosse stato, non ci sarebbe stato nessun Enrico VIII e di conseguenza nessuna Elisabetta I. Perciò, ci rassegniamo e ci concentriamo nel proseguire quest'ultimo capitolo della saga storica di Philippa Gregory.  


Inghilterra. 

Enrico Tudor sale al trono, dopo aver sconfitto Riccardo III di York. Elisabetta, figlia di Edoardo di York, diventa la sua sposa. La guerra è finita, le rose sono riunite, apparentemente sotto lo stesso ed unico stemma, ma si sa che gli intrighi e i tradimenti sono sempre dietro l'angolo, soprattutto quando si parla di Enrico , l'usurpatore. 


Ci ritroviamo con Elisabetta di York, affranta e con il cuore spezzato per la morte di Riccardo, suo Zio e anche il suo amante. E come se non bastasse, dovrà anche sposare l'assassino di quest'ultimo, nonché Re di Inghilterra, Enrico Tudor. Sua madre Elisabetta, cerca in tutti i modi di rassicurarla, lei sarà regina, era il suo destino dopo tutto.

In entrambi i casi lei sarebbe stata regina, questo è quello che consola Elisabetta, se non altro avrebbe preferito esserlo accanto all'uomo che amava, quell'uomo di cui non è rimasto altro che un cadavere sul terreno bagnato. Cadavere che hanno trascinato fino alle porte di Londra, nudo e legato ad un cavallo come simbolo della fine definitiva degli York. 
La prova schiacciante che nessuno più poteva minacciare il trono di Enrico. Ma Elisabetta non ama Enrico e, non intende fingere di farlo. I rapporti tra i due sono freddi, costretta a chinare il capo, lei, proprio lei che era abituata a camminare sempre a testa alta, deve fare i conti con il nuovo modo di vedere le cose di suo marito e di sua madre. SUA GRAZIA, LA MADRE DEL RE, Margharet Bouford. 


Con il tempo però, Elisabetta cambia, cresce, comincia a provare un sentimento nuovo verso quell'uomo che considerava solo un usurpatore. Un uomo divorato dall'ombra del passato, con il terrore che un giorno qualcuno possa dirgli: Tu Usurpatore! Qualcuno dai capelli biondi e dagli occhi verdi, che porta il nome degli york. Qualcuno come il fratello di Elisabetta, scomparso misteriosamente dalla torre di Londra. Riccardo, il legittimo erede del trono d'Inghilterra. 

Da figlia, nipote, amante, moglie e madre, Elisabetta ripercorre tutte le vite di ogni donna che nei libri precedenti abbiamo conosciuto, chiudendo e completando un cerchio che Philippa ha descritto con leggerezza e fascino. 
Non posso certo negare che l'accurata attenzione che ha messo nel non distaccarsi dai fatti storici e nel rendere vivi i personaggi, dando spessore e contenuto a tutta la saga  mi è piaciuta tantissimo.Così come la credibilità che ha accompagnato tutti gli intrighi e gli inganni di queste corti prima Yorkiste e poi Tudoriane. E se non vi bastano i libri, adesso potete vedere la saga THE WHITE QUEEN tratta dai romanzi appena RECENSITI! E da Aprile 2017 The White Princess! Vi auguriamo Buona lettura e buona visione!


Avete letto i libri di Philippa Gregory? Cosa ne pensate? Dite la vostra <3 


GLI ALTRI LIBRI DELLA SAGA DELLE ROSE







Altri libri di Philippa Gregory











Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…