Passa ai contenuti principali

RECENSIONE CALENDAR GIRL 2 APRILE MAGGIO E GIUGNO



CALENDAR

GIRL
APRILE,MAGGIO E GIUGNO

FORMATO KINDLE



COPERTINA FLESSIBILE



TRAMA


Dopo tre mesi molto diversi da come se li era immaginati, Mia è pronta a ripartire. A proseguire il suo viaggio lungo un anno iniziato per salvare la vita di suo padre.

L'aspetta un aprile a Boston in compagnia di Mason "Mace" Murphy, campione di baseball. Tutto ciò che Mia detesta in un uomo impacchettato in un regalo da sogno: talentuoso, fisico atletico, lineamenti scolpiti ma... completamente pieno di sé.
Un maggio alle Hawaii a fare la modella di punta per una campagna di costumi da bagno. Un mese di gioie, risate e piacere in compagnia di Tai, il peccaminoso samoano con un intricato tatuaggio tribale disegnato lungo l'intero lato sinistro del suo corpo muscoloso.
E un giugno a Washington a fianco di un ricco filantropo. Trenta giorni nell'universo della politica. Un mondo di intrighi, potere, denaro e uomini senza scrupoli.
E poi c'è sempre Wes, l'uomo che forse potrebbe impegnarla per sempre. Quello che si è conquistato un pezzo del suo cuore. Anche se insieme hanno deciso di lasciare per quest'anno i sentimenti sullo sfondo mentre ciascuno vive la sua vita.
Perché quello che conta è il viaggio...



IL MIO VOTO 

Rieccoci,alle prese con MIA e i suoi AMICHETTI! Dico amichetti,perchè dire Clienti fa' troppo realistico,e la Audrey ultimamente sembra aver dimenticato di vivere nel mondo reale.

Il primo romanzo CALENDAR GIRL mi aveva piacevolmente stupita,anche se sin dal secondo capitolo mi sono resa conto della ripetitività delle cose. Anche in questo secondo libro,sarà stata l'intuizione o l'esperienza nel leggere continuamente libri che dovrebbero esser HOT e che in realtà sembrano scritti da adolescenti per adolescenti,abbiamo Mia,alle prese con i suoi amichetti, proprio come ho detto prima,tutti perfetti,impettiti,fighi,colti e chi ne ha più ne metta. Lo stereotipo è sempre lo stesso,prima fa' la timida e poi...e poi...!! Fin qui tutto ok,niente di anormale,o di entusiasmante. Perchè si l'eccitazione per CALENDAR GIRL si è spenta.E non oso immaginare cosa combineranno con la serie. Per renderla popolare più o meno come GOSSIP GIRL dovranno mettere un banner vietato ai minori 14! -.-' POVERE NOI! Comunque c'è da ammirare lo stile,scorrevole,leggero,scritto da una casalinga e mamma non è cosa da poco. Bisogna avere un certa creatività  per partorire idee e poi metterle per inscritto, non è sempre facile catalizzare l'attenzione e inventarsi sempre cose nuove per tenere incollati alle pagine. Lei ci riesce,sia in positivo che in negativo. 
L'unica consolazione è sempre e solo Wess ;) Messa così possiamo ipotizzare il finale,anche se la salita è lunga e mia avrà da "pedalare parecchio" con la sua bici ; l'autrice troppo spesso ci ricorda di Wess,quindi pare proprio che Mister Bello numero 1 sia rimasto al primo posto in classifica e forse sarà lui l'uomo che conquisterà Mia alla fine,forse,o forse no! Magari è tutta una tattica ;) Lo scopriremo presto,cioè domani quando andremo a comprare il 3 volume ;)

CALENDAR GIRL LUGLIO AGOSTO E SETTEMBRE 


Buona lettura! 




Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…