Passa ai contenuti principali

L'ULTIMA NEVE DI PRIMAVERA DI BLANCA BUSQUETS

L'ULTIMA NEVE DI PRIMAVERA

Genere:NARRATIVA CONTEMPORANEA
Autore:BLANCA BUSQUETS
Editore:PIEMME


LO TROVATE QUI 


TRAMA

"Non lasciarti scappare la vita." Tònia non riesce a togliersi dalla testa questa frase, mentre scrive a lume di candela, di notte, terminati i mille lavori di casa. Scrive per confidare ai fogli sparsi cosa le è toccato in sorte, con un marito che - come capita a tutte le ragazze di quel paesino sui monti della Catalogna - non si è certo scelta lei, ed è già fortunata se non è violento. Così come è fortunata a saper leggere, per l'epoca e il luogo in cui vive. Sulla carta libera pensieri cui altrimenti non potrebbe dare voce, emozioni che cerca di soffocare perché non sta bene, perché non si fa. Perché è una donna. Lali è nata con un libro sotto il braccio. Divora pagine una dietro l'altra: porte di mondi magici che le offrono un rifugio dalla realtà, quella in cui Lali, vittima dei dispetti delle compagne di scuola, si chiude in un mutismo pieno di paura. Cose da bambini, minimizzano i grandi, ma che possono segnarti per tutta la vita. A distanza di un secolo l'una dall'altra, Tònia e Lali sono unite da un filo invisibile che pian piano prenderà corpo: ha i colori di un misterioso dipinto che solo loro sembrano in grado di interpretare, la magia di un fascio di carte messe in salvo da un incendio e poi svanite chissà dove, la forza di una passione irrefrenabile, per i libri e le parole. E sarà il bisogno di scrivere, pari solo a quello di respirare, che aiuterà entrambe a trovare il proprio posto nel mondo.




In questo splendido libro di Blanca Bisquets,si intrecciano le vite parallele di due donne,unite dalla passione per la scrittura e per la lettura.Due donne all'apparenza estranee,mai incontrate e conosciute,ma che in realtà sono Bisnonna e nipote.Tonia,che ha vissuto nell'età franchista e Lali che vive i giorni nostri.Due vite differenti,due modi di pensare e di vivere apparentemente diversi.Paesaggio che accompagna la nostra lettura è quello della Carena,sui monti della Catalogna,la prima Tonia,scrive quasi 100 anni prima,descrive la sua vita,imposta e per un certo senso fortunata,sposata ad un uomo con non ama,che ha la fortuna di saper leggere e scrivere ed è proprio tramite la scrittura che dà sfogo ai suoi pensieri,pensieri che mai e poi mai avrebbe potuto pronunciare a voce alta in quei tempi. Lali invece è una giovane donna,silenziosa e amante della lettura,sin da bambina preferiva rifugiarsi nelle avventure fantasiose delle pagine dei suoi libri,crescendo diventando  adulta ne fa' un mestiere.E sarà proprio il suo mestiere a portarla ad incontrare finalmente la sua bisnonna,insieme alla loro voglia di scrivere creeranno un legame profondo,come i colori di un quadro che sembra solo loro possano vedere,immersi nella fantasia e nella magia Lali imparerà molte cose,e troverà finalmente il suo posto nel mondo.L'ultima neve di primavera è la conferma che un libro è una luce che ti aiuta a guardarti dentro quando non è permesso fare domane.

"UN'OMAGGIO ALLE DONNE
CHE HANNO AVUTO IL CORAGGIO DI 
PRENDERE IN MANO LA PENNA
PER RACCONTARE LA LORO 
SOLITUDINE
ROMPENDO IL SILENZIO
A LORO IMPOSTO"

LA GIURIA DEL PREMIO Llibreter


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…