Passa ai contenuti principali

ANNA KARENINA - LEV TOLSTOJ


Anna karenina

LEV TOLSTOJ


Genere:Letteratura Straniera
Editore:Newton Compton Editori





TRAMA
Combattuta tra l'amore per il figlio, il vincolo matrimoniale e la passione per un altro uomo, Anna Karenina sarà travolta da un conflitto tanto drammatico da trascendere i confini del personaggio per divenire emblematico, che la accomunerà ad altre tormentate figure di donne, come Madame Bovary, per citare la più famosa. Ispirandosi con inconfondibile potenza creativa a un fatto di cronaca, Tolstoj trasfuse in Anna Karenina l'ansia e il desiderio di chiarezza etica che dominarono la sua vita. Costruito con un raffinato gioco d'incastri narrativi, e tuttavia con la consueta scorrevolezza stilistica dei capolavori tolstojani, il romanzo presenta una bruciante problematica morale, lasciando al lettore il giudizio definitivo. Introduzione di Eraldo Affinati.

IL MIO VOTO 







Un libro per adulti,storico,osannato,pubblicato e ripubblicato,in vecchie e nuove edizioni,e poi riprodotto sul grande schermo Anna Karenina non è la solita donna bigotta adultera che tradisce il marito e si suicida per il suo amore folle solo per il gusto e l'ebrezza della ribleione. E' come una farfalla che cerca di dibattersi per uscire,ma non riesce,la società e il bigottismo di quel periodo vengono descritte da Lev Tolstoy con minuzia di dettagli. La descrizione di personaggi esistenti in quel periodo in Russia, in particolare  quello di konstantin Levin ,che ci anticipa i tormenti che poi sconvolgeranno la vita dello stesso scrittore un anno dopo,portandolo poi a compiere scelte devastanti per lui e la sua famiglia.Ma nessuno dei personaggi è come Anna,nessuno dei personaggi riesce a comprendere il suo tormento,per esempio Dolly,donna pratica,che difficilmente si fà coinvolgere dal mondo esterno,difficilmente cambierebbe la sua vita per qualcosa che secondo lei è solo vana fantasia,o un momento di follia.Kitty, la ragazzina spensierata innamorata delle feste e dei balli della Russia del XIX secolo,alle prese con le prime delusioni d'amore,un personaggio in crescita capace di forgiare il suo carattere e di rinascere,al contrario di Anna che inesorabilmente affonda.Il suo matrimonio con il potente e colto Aleksej Karenin è carente, di affetto e di amore,proprio come lui,un uomo meticoloso,abitudinario,e incapace di comprendere il malessere di sua moglie,la spinge nelle braccia dell'ufficiale Aleksej Vronskij.Quando scopre del tradimento non tenta di riconquistare sua moglie,nonostante in fondo ci sia qualcosa che amano entrambi,l'unico figlio,della coppia,l'unica cosa che tiene Anna legata ancora a lui,Sereza. Ma Anna e Aleksej non possono tornare indietro,il loro tormento li accompagna e li distrugge giorno per giorno,incapaci di affrontare la situazione,si rendono conto che non possono stare ne insieme ne separati,tentano entrambi il suicidio...ma solo uno dei due troverà la pace.
BUONA LETTURA

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…