Passa ai contenuti principali

Il GRANDE GATSBY Di Francis Scott Fitzgerald

IL GRANDE GATSBY 

Classificazione:Letteratura Inglese
Autore:Francis Scott Fitzgeral
Pagine:230
Titolo:Il Grande Gatsby







Trama
Ricchissimo, potente, invidiato, Jay Gatsby è il re senza corona di West Egg. Nella sua villa sfarzosa lungo l'Hudson, a Long Island, è lo sfuggente anfitrione di una corte fastosa e stravagante, che nutre di lussuosi ricevimenti. Ambizioso e determinato, ha saputo conquistarsi con mezzi leciti e illeciti prestigio, denaro e rispettabilità. Ma non è felice: dal mistero del suo passato emerge a tratti il ricordo di un grande amore giovanile. Gatsby insegue disperatamente il sogno di ritrovare Daisy, di far rivivere il legame con la donna che lo ha respinto, povero e senza prospettive, per sposare il rampollo di una delle più grandi famiglie americane. Dovrà mettere in gioco tutto il peso del suo fascino e del suo potere, ma servirà solo a dare vita a una dolce follia destinata a finire in tragedia.



C'è poco da dire su Fitzgerald,attorno a lui c'è sempre quell'osannato fascino,quel tormento che avvolge tutti gli scrittori,lui forse più di tutti.E' uno dei migliori autori dell'Età del jazz.Tra le sue opere più famose cito;Belli e Dannati e Tenera è la notte.Ora passiamo però al libro,confesso di averlo letto molto tempo fà,prima che uscisse il film,Il Grande Gatsby è il ritratto di un personaggio inquieto,ossessionato dall'amore di una donna,per il quale sacrifica la vita,in una società feroce,dove l'avidità,per il denaro,lo sfarzo,il lusso e l'apparenza è spietata.E' il ritratto di un'epoca in cui il mondo dei contrabbandieri di alcolici si mescolava allegramente con quello dei banchieri,delle feste sfrenate,l'epoca del charleston,gli anni Venti.A narrare la storia è Nick un trentenne trasferitosi da poco a Long Island per lavorare in borsa.Tra i vari personaggi annoiati e illustri che Nick frequenta,c'è anche il suo misterioso vicino di casa,J Gatsby,tutti parlano delle feste,del lusso dello sfarzo,ma nessuno sà chi sia,cosa faccia nella vita,e soprattutto da dove derivano le sue risorse.Per caso o per volontà,Nick si ritrova trasportato nel mondo di Gatsby.

C'era in Gatsby qualcosa di splendido,un sensibilità acuta alle promesse della vita.

Nick,però comprende che per j,l'ammirazione degli altri non è sufficiente,il suo unico obbiettivo è Daisy,tutto quello che aveva fatto e che faceva era per lei,nella speranza di riconquistarla,di darle quella vita che aveva sempre sognato e che aveva preferito avere con un'altro uomo,respingendo Gatsby.Quando finalmente l'amore ritrovato di Daisy e Gatsby sembra consolidarsi,tutto si sgretola,i segreti della vita torbida di j vengono a galla,e tutti scompaiono,lasciando quella villa un tempo colorata e sfarzosa vuola.Ma la speranza di Gatsby è sempre accesa come un faro nella notte.Il risvolto tragico del libro è nella solitudine di j,anche nella morte.Tutti erano spariti,tutti tranne Nick.

Aveva fatto molta strada per giungere a questo prato azzurro e il suo sogno doveva essergli sembrato così vicino da non poter più sfuggire. Non sapeva che il sogno era già alle sue spalle, in quella vasta oscurità dietro la città dove i campi oscuri della repubblica si stendevano nella notte. Gatsby credeva nella luce verde, il futuro orgastico che anno per anno indietreggia davanti a noi. C’è sfuggito allora, ma non importa: domani andremo più in fretta, allungheremo di più le braccia… e una bella mattina… Così remiamo, barche controcorrente, risospinti senza sosta nel passato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…