Passa ai contenuti principali

Città di carta di John Green


Trama 
Quentin Jacobsen è sempre stato innamorato di Margo Roth Spiegelman, fin da quando, da bambini, hanno condiviso un'inquietante scoperta. Con il passare degli anni il loro legame speciale sembrava essersi spezzato, ma alla vigilia del diploma Margo appare all'improvviso alla finestra di Quentin e lo trascina in piena notte in un'avventura indimenticabile. Forse le cose possono cambiare, forse tra di loro tutto ricomincerà. E invece no. La mattina dopo Margo scompare misteriosamente. Tutti credono che si tratti di un altro dei suoi colpi di testa, di uno dei suoi viaggi on the road che l'hanno resa leggendaria a scuola. Ma questa volta è diverso. Questa fuga da Orlando, la sua città di carta, dopo che tutti i fili dentro di lei si sono spezzati, potrebbe essere l'ultima.










Ciao a tutti,lettori e lettrici,oggi vi propongo la lettura di Città di carta, grande metafora del  passaggio  tra adolescenza e età adulta.Chi di noi non ha vissuto quel periodo di incertezza e di paura verso l'ignoto?John Green percorre con entusiasmo e anche con malinconia quel periodo in cui qualsiasi adolescente capisce che il tempo dei giochi è finito.I due protagonisti vengono descritti con quel pizzico di follia realistica,Margo la protagonista femminile del libro,dà sempre quella percezione di libertà,quella voglia di fare quel che si vuole,senza guardare in faccia nessuno,lottando per le proprie idee,soprattutto quando non si è sicuri di quel che si vuole.Q,invece è sempre stato innamorato di Margo,ma il suo carattere gli ha sempre impedito di seguirla nelle sue folli avventure,fino a quando una notte,lo trascinerà fuori,per poi sparire.Q,insieme ai suoi amici,cercherà Margo,attraverso degli indizi che sono sempre stati li,ma che lui vede solo adesso,con una prospettiva diversa,segno di un cambiamento interiore che porterà Q,a vivere la sua vita,senza paura e rimpianto,e a superare le delusioni che la vita gli riserverà.

Le "Città di carta" a volte sono solo segnate sulle cartine,una mera illusione,ma cercando a fondo è possibile trovarle,così come è possibile trovare la propria strada.

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…