Passa ai contenuti principali

Pride and Prejudice (Orgoglio e Pregiudizio)

Orgoglio e Pregiudizio Recensione 💛💛💛💛






 Trama 

Il libro parla delle vicende della famiglia Bennet.I signori Bennet e le loro cinque figlie,Jane,Elizabeth,Mary,Chaterine e Lydia.La protagonista e voce del libro è Elisabeth,detta Lizzie,giovane donna dal carattere forte,che al contrario dei costumi e del volere della madre,non è intenzionata a sposarsi.Durante un ballo,farà la conoscenza del Signor Darcy, uomo,ricco, intelligente,fortemente orgoglioso e riservato. Sarà proprio questo suo carattere ad innescare il pregiudizio e l'antipatia in Elisabeth su di lui.Pregiudizio che si sgretolerà poi,solo alla fine del libro,in seguito a vicende riguardanti le sorelle dove verrà a conoscenza della persona altruista,generosa e onesta che Darcy è in realtà.Un'uomo capace di mettere da parte l'orgoglio della diversità sociale pur di seguire il cuore.





Orgoglio e Pregiudizio Recensione


Ciao Ragazze! Eccomi qui, con il primo post del blog. 😊
Son sicura che almeno una volta nella vita, avrete letto un libro di Jane Austen. E  sono altrettanto sicura che dopo avrete espresso in maniera impeccabile la vostra opinione. Quindi, c’è veramente poco che io posso aggiungere a riguardo.  Sia, sul libro che sull’autrice. Tuttavia, dopo tutte le svariate versioni, le riedizioni, gli adattamenti sul grande e sul piccolo schermo, ORGOGLIO E PREGIUDIZIO è, e resterà uno dei libri più letti al mondo, e l’unico ad avere un posto speciale nella mia libreria. Un salto generazionale, anni e anni di lotte contro i diritti di parità e poi ci ritroviamo con le nuove di generazioni che non solo non sanno nemmeno chi è Jane Austen, ma che osannano il peggio del peggio dei libri. La certezza è data proprio dal fatto che per far avvicinare i lettori ai grandi Scrittori, si sono dovuti inventare le versioni di tutte le grandi opere e ristamparla con il chiaro richiamo alla serie tormentone del momento, che francamente parlando non ha niente in comune, né con la storia, né con i protagonisti…  Aperta e chiusa la perentesi su questo punto della storia, passo al mio pensiero riguardo a quello che è per me, un libro che tutti dovrebbero leggere. Lo stile, l’ambientazione, i protagonisti. Quel “vago’’ sentore di Femminismo nell’aria, che in un tempo dove per la donna, l’unico scopo era quello di trovare marito e di fare i calzini, si impone con un certo spessore. Uno di quelli che al giorno d’oggi è andato perduto.
Elisabeth Bennet, è la protagonista irriverente e orgogliosa che cattura l’attenzione tra le pagine di questo libro, che altri non è che la storia della famiglia Bennet. L’ambientazione, e i fatti, sono il frutto di quello che era al tempo, l’unico svago concesso alle donne che vivevano in piccoli paesi. La differenza sociale, e i comportamento oltremodo ridicoli delle signore che a quei tempi, altri svaghi non avevano sono quelli dei balli, e dei tentativi di accalappiare marito. 😊
Ma, passiamo alla storia…
Elisabeth, la seconda di cinque sorelle. (Jane, Mary, Chaterine, e Lydia.) è la voce narrante, e protagonista del libro, che si apre, con l’ormai celebre frase che annuncia il primo fatto importante del giorno. Quello che sconvolgerà le aspettative delle cinque sorelle, Bennet. Cinque ragazze, che  vengono presentante con un singolare contrasto caratteriale. Fattore che emergerà sempre di più durante la storia, soprattutto per una delle ragazze. La signora Bennet, non ha altro pensiero se non quello di “ accasare’’ almeno una delle sue cinque figlie, con un buon partito. Più ricco è, e meglio è.
A Neverfield Park, arrivano tre “ospiti’’ inattesi, Elisabeth e le sue sorelle, fanno la conoscenza del Signor Charles Bingley, di sua sorella Louisa e del Signor. Fitzwilliam Darcy, di Pemberley, nel Derbisheare.  Rendita annuale:  cinquemila sterline l’anno. Rendita inattesa: un carattere risoluto, e poco incline alla conversazione.
Darcy, è l’uomo più arrogante, e discutibile che Elisabeth abbia mai incontrato. E basta una parola, per far scattare in lei una concezione dell’uomo errata.

“Avrei potuto perdonare la sua Vanità se non avesse mortificato la mia.”

Sua sorella Jane, e il Signor Bingley, paiono destinati invece a passare la loro vita insieme. Sembrano infatti essere fatti l’uno per l’altra. Ma le aspettative di Jane, vengono bruscamente interrotte quando i tre annunciano che andranno via. Ad Elisabeth non resta altro da fare che consolare sua sorella Jane.
Nel frattempo a Neverfield, giunge una vecchia conoscenza del Signor Darcy; Il signor  Wickham.  Tra lui e Eliasbeth, pare svilupparsi una certa intesa.
Partita per far visita alla sua amica Charlotte, andata in moglie al cugino Collins, non ché unico erede della tenuta dei Bennet, Elisabeth incontra la Stimata Patronessa Chaterine De Bourgh, scoprendo che sua figlia è promessa proprio al signor Darcy. E poi che è stato proprio lui ad allontanare Bingley dalla amata sorella Jane.
In quell’occasione, Darcy, mette da parte l’orgoglio e apre il suo cuore ad Elisabeth. ( Della serie, mi sa che hai sbagliato momento ragazzo….)


“Ho lottato invano. Non c'è rimedio. Non sono in grado di reprimere i miei sentimenti. Lasciate che vi dica con quanto ardore io vi ammiri e vi ami.”


“Pensate che possa essere allettata ad accettare l’uomo che ha rovinato forse per sempre la felicità della mia amatissima sorella? Lo negate signor Darcy? negate di aver separato due giovani che si amavano esponendo il vostro amico al rischio di essere considerato dal mondo un capriccioso, e mia sorella, alla derisione per le speranze disattese precipitando entrambi nella più crudele infelicità?’’

L’orgoglio di Elisabeth le impedisce di seguire il suo cuore. Tuttavia, quando la notizia che la minore delle sue sorella è fuggita con il signor Wickham, Darcy, rivela ad Elisabeth, il vero motivo del risentimento verso quell’uomo che altri non è che un “ cerca dote” per restare in termini moderni.
Darcy, in segreto, troverà Lydia e Wickham. Pagherà le spese del matrimonio e farà ammenda a quelle che crede le sue colpe. Se avesse parlato prima….
Elisabeth, appresa questa notizia, ed in seguito alla lettera che Darcy le invierà, non potrà fare a meno che rivalutare l’uomo e chiedere scusa a sé stessa per il suo orgoglio che ha offuscato il giudizio sul Signor. Darcy.
Che siate delle romantiche senza speranza, delle sognatrici ad occhi aperti, Orgoglio e Pregiudizio è un capolavoro che merita un posto nella libreria di chiunque al mondo. Per tanto se non avete ancora letto questo libro, o volete regalare alle vostre sorelle minori, alle vostre nipoti e perché no anche alle vostre amiche, un bel libro da leggere, vi invito caldamente a lasciate i libri multicolor lì dove sono e andate nella sezione GRANDI CLASSICI. Jane Austen vi ringrazierà dall’aldilà per aver lasciato AFTER DOVE STA!
Buona lettura. ‹3 ‹3 ‹3


Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…