Passa ai contenuti principali

La Vendetta Veste Prada


SEGUITO DI

Trama
Sono passati quasi dieci anni da quando Andrea Sachs, Andy, si è licenziata dal lavoro per cui "milioni di ragazze ucciderebbero" come assistente di Miranda Priestly, direttrice di "Runway" e guru della moda internazionale. La sua vita è molto cambiata negli ultimi anni e di quel terribile periodo non le restano che qualche incubo notturno e l'incontrollabile terrore di partecipare a serate mondane in cui potrebbe incontrare lei, il Diavolo in persona. Tutto il resto, però, va a gonfie vele: la rivista di successo che ha fondato con Emily, l'antica rivale ora migliore amica e socia, e il matrimonio imminente con uno degli scapoli più ambiti della Grande Mela, Max Harrison, affascinante, romantico e soprattutto orgoglioso di avere accanto una donna indipendente e di successo. Nulla sembra poter rovinare un momento così perfetto. Ma Andy ha l'assoluta certezza che qualcosa stia per accadere, perché nessuno prima di lei aveva osato sfidare Miranda. La vendetta non si farà attendere ancora per molto.






Dimenticate il film, Il Diavolo Veste Prada,perchè  questo sequel ha poco a che vedere con il primo Libro,da cui è stato tratto  il film.Sembra addirittura scritto da qualcun'altro.Lettura piacevole,libro carino,ma a mio parere manca lo sprint,i personaggi  sono irriconoscibili; Andrea si ritrova ancora una volta a scrivere e a lavorare in un'ambiente che in teoria dovrebbe detestare,con la sua amica nemica Emily come socia, Miranda,che forse è l'unica ad essere ancora la stessa,resta un'utopia per tutto il libro,o quasi.Il finale mi sembra forzato,e mi sono chiesta in tutto ciò...Dov'è la vendetta?!
Ma andiamo con ordine,Andrea è felice,fidanzata,stà per sposare un giovane scapolo,ricco bello affascinante,nonostante la madre di lui non faccia i salti di gioia,vengono organizzati party e feste,e in mezzo a questo scintillio e tintinnio di bicchiere,per alcune rare volte fà la sua comparsa la donna che arriccia le labbra,la donna che Andrea non ha mai dimenticato e che ancora continua a sognare nei suoi incubi più reconditi....ma la sua vita non sembra essere quella di una disperata,al contrario!Ha realizzato il suo sogno,lavorare per sè stessa,si,lei è il suo capo,insieme alla sua socia Emily dirigono una rivista che si occupa di Matrimoni,ma non matrimoni qualunque....quelli da sogno,quei matrimoni per cui ogni donna ucciderebbe,e adesso quello in copertina è il suo.
Passano i mesi,la vita di Endy prosegue,felice,aspetta una bambina,tutto sembra andare per il verso giusto,se non fosse che tra tutine e scarpine ci si chiede;ma Miranda dov'è?quando compare?!il senso di questo libro?...io volevo leggere di Miranda e Andy,di Ranwey,non un libro sui corsi pre ma man,di quanti chili si prendono durante la gravidanza e di come fare per non sembrare grasse...decisamente sono rimasta molto delusa....forse è per questo che non è stato messo nessun film in cantiere....è proprio in caso di dirlo...CATASTROFE! Unica nota positiva;il libro nonostante sottile non sia,è scorrevole,leggibile,a tratti persino simpatico....BUONA LETTURA!

Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…