Passa ai contenuti principali

Il diario di Carrie di Candace Bushnell

“prequel”del celebre

Sex and the City


Ciao a tutti lettori!Chi di voi non conosce sex and the city,probabilmente o è un uomo oppure ha vissuto sulla luna.

Sex and the City è un libro della scrittrice Candace Bushnell,romanzo basato sulla vita dell'autrice e di alcune sue amiche.Libro che raggiungerà ancora più fama tramite la serie Tv,prodotta dalla HBO  "Sex and the City" e in seguito  con ben due film. A dare il volto alla protagonista Carrie Bradshaw sia nel piccolo che nel grande schermo è  Sarah Jessica Parker. 

Trama

Chi pensa che le avventure di Carrie Bradshaw siano finite troppo presto, chi non ha mai smesso di sognare il giorno in cui metterà piede da Tiffany per un anello di diamanti e chi continua a chiedersi come si fa a diventare la regina di New York non può certo perdersi questo romanzo. Il diario di Carrie è la puntata mancante di Sex and the City, quella che ci racconta vita, amori e sogni di gloria della protagonista di una delle più celebri serie televisive di sempre prima che potesse permettersi le scarpe di Jimmy Choo. In pratica, l'equivalente cartaceo di un taxi fino a Manhattan. Per una ragazza di provincia convinta che la vita possa essere molto, molto eccitante.





Carrie Bradshow, sedici anni, vive nel Connecticut,con suo padre e sua sorella Dorryt,nonostante abbia perso da poco la madre,cerca di non mostrarsi al mondo come la ragazza fragile e sensibile che è.Mentre cerca di ricostruire la sua vita,che sembra ormai andata in pezzi,conosce Sebastian kedd,il nuovo studente,il ragazzo ricco cacciato dalla scuola privata.Ancora ingenua e con nessuna esperienza in fatto di ragazzi,vive il suo primo grande amore.Oltre ad amare Sebastian,Carrie ama scrivere,sogna di diventare una grande scrittrice,ogni sera scrive il suo diario e i suoi racconti alla sua macchina da scrivere davanti la finestra della sua cameretta,proprio come anni dopo scriverà la sua rubrica davanti la finestra del suo appartamento di New York. Ha anche degli amici fidati,Maggie Mouse e Walth,ex fidanzato di Maggie scopertosi Gay.Incoraggiata dal padre,invia i suoi primi racconti alla New School ,per frequentare i corsi di scrittura creativa.Approdata nella grande mela,Carrie scoprirà un mondo che adora,conoscerà la giovanissima redattrice di una rivista di moda,e da quel momento in poi  deciderà di voler far parte di quel mondo scintillante.ll sogno di una nuova vita e le aspettative per il futuro dei sogni la fanno allontanare da Sebastian che sentendosi solo,tradirà  Carrie con  una della sue migliori amiche.La bruciante delusione e il dolore per il tradimento porterà Carrie ad allontanarsi per sempre dalla sua vita passata.Delusa e amareggiata partirà per New York con Walth,che in futuro sarà Stanford Blatch (Il suo migliore amico Gay).Il libro è un prequel,come già precisato prima,perciò acquistandolo non mi aspettavo la Carrie di  New york,icona di moda e di stile,di certo non delude le aspettative,ma continuo a preferire la Carrie che fà shopping con Miranda,Charlotte e Samantha,la Carrie innamorata di  Mr.Big,e di Manolo Blanik.;) 



Commenti

Post popolari in questo blog

Recensione di Paper Princess by Erin Watt

PaperPrincess! “Reed Royal è il cattivo travestito da principe. Assaggiarne un morso sarebbe un grosso sbaglio”
Ciao Ragazze!!  Ebbene sì, ero scettica, prevenuta fino al midollo su questo ennesimo caso editoriale. Se ne sono dette di cotte e di crude a riguardo. Ma io, che non amo giudicare mai i libri dalla copertina, li leggo e per restare in tema “ ME NE SBATTO” del giudizio della gente. Scelgo di leggere quello che il mio istinto mi suggerisce. Spesso mi ritrovo tra le mani libri che sono seriamente pessimi, per via dei messaggi errati e poco adatti ad il pubblico a cui sono indirizzati. E mi fa molto piacere dirvi che questo non è il caso di Paper Princess. 
Al contrario dei soliti libri che ultimamente ci riportano inevitabilmente alle sfumature di colori vari per via dei loro contenuti poco adatti ai minori, Paper Princess è l'emblema che le belle storie destinate agli young adult ci sono ancora. Nato da un progetto di scrittura a due mani da parte di due autrici molto conosci…

TRE VOLTE TE - RECENSIONE

Buongiorno a tutti! Amici e amiche lettrici!
Rieccoci con una nuova recensione, e con un nuovo libro tra le mani.
Quello di oggi, è l'ultimo libro di Federico Moccia, l'ultimo libro che va a chiudere la storia lasciata in sospeso ben dieci anni fa, quella di Babi e Step ( TRE METRI SOPRA IL CIELO).
Ora, la decisione relativa al fatto di aver voluto leggere questo libro, è stata puramente dettata dalla curiosità di sapere, come andava a finire la storia. Personalmente, non amo, i libri strappalacrime, ne quelli troppo smielati e romantici, e, come ben sapete, quelli di Moccia, lo sono. 
Iniziamo con il dire, che, questo, è stato il libro più lungo della storia. Un libro di ben 715 pagine, che ho iniziato con curiosità e che ho terminato con molta, molta lentezza. 
I punti salienti di questo libro sono Tre, e il fatto che siano proprio Tre, non è un caso. 
In TRE VOLTE TE, si evincono tre fondamentali passaggi della vita di Step. 
Quando ho letto questa frase " STEP NON E' PIÙ…

Oggi in libreria! Tre volte te! ( Dopo TRE METRI SOPRA IL CIELO E HO VOGLIA DI TE), L'ULTIMO LIBRO DI FEDERICO MOCCIA

Buondì ragazze, come state? Vi state riprendendo ancora dalle feste?! 
Oggi riprendiamo il regolare svolgimento delle attività, segnalandovi l'uscita in libreria del terzo capitolo della storia di Babi e Step. Sì lo so cosa state pensando!!
Ancora Moccia?! Ma nemmeno morta! Molto spesso, ci è capitato di dover riprendere in mano, conclusioni di libri arrivate con anni e anni di ritardo, libri che letti in età adolescenziale ci hanno fatto battere il cuore e che adesso, sono solo un lontano ricordo. Step e Babi, sono stati il simbolo dell'amore per una generazione di adolescenti che, tra i banchi di scuola, hanno fatto spopolare il primo libro di Federico Moccia. Di una generazione che ha riempito Ponte Milvio di lucchetti. 
Per quanto possa sembrare strano, questo è stato il primo vero e proprio fenomeno letterario italiano. 
Un fenomeno a cui si sono susseguiti due film e che adesso, a distanza di dieci anni, giunge al termine. Step e Babi non sono più i due adolescenti che ricor…